UNIONE   MEDICI   ITALIANI

07/01/2009 - AGGIORNAMENTO SITUAZIONE CONTRATTUALE
Persistono gravi inadempienze da parte dell'ASL di Brescia


di


Aggiornamento Medicina dei Servizi Sempre aperto il contenzioso con l’ASL di Brescia per la non corretta applicazione della convenzione nazionale del 2005 e della non applicazione totale dell’accordo regionale lombardo del 2007 per i medici della Medicina dei Servizi (MdS). In particolare si lamenta:  La “gerarchizzazione” dei rapporti tra medici della MdS e vertici dell’Azienda/ Distretto n.1 al posto del normale rapporto di collaborazione previsto in convenzione. I medici della MdS non sono dipendenti!;  L’aumento delle ore di servizio realizzato dall’Azienda senza il rispetto della graduatoria prevista in convenzione a danno dei medici più anziani;  L’utilizzo dei medici per compiti impropri o per attività inconciliabili con la programmazione del lavoro ordinario o in urgenza o ancora per attività imposte senza la necessaria esperienza o formazione preventiva. Nonostante un recente incontro, nel quale è stata data la disponibilità alla partecipazione nelle commissioni invalidi, pare che i vertici del Distretto N.1 vogliano continuare per la loro strada senza tenere conto degli accordi sottoscritti. Tale comportamento dei vertici del Distretto N.1, assolutamente inadeguati, è purtroppo già noto anche per i medici dell’Assistenza Primaria spesso tormentati per motivi poco rilevanti ed inutili. Resta poi totalmente disatteso l’accordo regionale del 2007 che prevede:  Specifici programmi di formazione ed aggiornamento per un valore pari ad euro 1.200,00 per medico della MdS. Questo significa che ASL e distretto non hanno capito che è necessario investire su questo personale per ottenere, nei limiti dell’orario settimanale, nuove prestazioni;  L’individualizzazione di specifici progetti di lavoro da concordare anche per gli aspetti economici;  L’individualizzazione di figure di coordinamento tra i medici della MdS come referenti per le attività e nei rapporti con i vertici aziendali e distrettuali. E’ stato chiesto all’ASL di portare questi argomenti in Comitato Aziendale, ma al momento ciò non è stato fatto. Si segnala infine l’irrogazione di una sanzione disciplinare in maniera non conforme alla convenzione e senza giuste, a nostro giudizio, motivazioni. Si è chiesto l’annullamento del provvedimento. Il presidente UMI:dott. Francesco Falsetti


Allegati:


Links:





UMI - Unione Medici Italiani - P.Iva 03505850176 - C.F. 98082010178 - Tutti i diritti riservati - ©2018