UNIONE   MEDICI   ITALIANI

12/04/2017 - UN NUOVO APPELLO PER IL RICHIEDEI
Resta aperto il problema degli esuberi


di


O.P. Fondazione Sichiedei: esempio del fallimento della politica sanitaria lombarda

Sul futuro della Fondazione O.P. Richiedei registriamo l’ennesimo fallimento della politica regionale che non ha voluto e non vuole in quella sede promuovere attività qualificate in alternativa a quelle che saranno portate via dal Civile per essere trasferite a Montichiari ed accrescere il disagio dei malati e dei parenti della città.

L’ultima speranza persa è stata quella della Riabilitazione Alcologica specialistica a Gussago anche se  pareva avere un ampio consenso e fosse di reale utilità.

Ora si punta alla Medicina Generale con una quindicina di letti in assistenza al personale del Richiedei e con il coinvolgimento dei Medici di Medicina Generale.

Una esperienza già conosciuta nel passato ad Orzinuovi e Leno, ma ora di fatto superata in quanto non più prevista nell’attuale nuovo ordinamento regionale che prevede tale possibilità nei POT (Presidi Ospedalieri Territoriali) ancora lontani dall’essere definiti e ancora di più dall’essere realizzati se non in due unità negli stessi ex presidi ospedalieri pubblici.

Il ruolo del Richiedei di polo specialistico riabilitativo ed assistenziale per le cronicità resta quindi misconosciuto e rischia di essere disperso anche  se abbiamo disperato bisogno di queste strutture di qualità per le cure post-acuzie.

Il difetto di Gussago, se così si può dire, è quello di una struttura che ha sempre offerto assistenza di qualità e come tale ad un costo troppo elevato rispetto ai progetti in economia della Regione Lombardia i cui obiettivi sono quelli di tagliare la spesa sanitaria.

In questa logica si vuole abbassa sempre di più il livello della struttura e delle prestazioni alle quale viene offerto di erogare prestazioni sempre meno qualificate e per certi versi simili  a quelle di una casa di riposo con una bassa assistenza medica.

Questa non è, a nostro avviso, l’anticamera di un futuro POT.

Nulla ho riscontrato sulla stampa e tanto meno ho potuto verificare direttamente, in quanto non invitato alla riunione della Commissione Terza, del possibile futuro ruolo del Richiedei come “gestore” per la presa in carico di malati cronici come possibilità prevista dalla recente, ma confusa, delibera regionale del gennaio 2017.

Certo l’attività di “gestore” è tipicamente specialistica che ben si adatta con le caratteristiche della Fondazione, ma non con quanto viene proposto ad oggi  al Richiedei e cioè il misero piattino di qualche letto in assistenza generalistica.

Il Presidente UMI: Cav. dott. Francesco Falsetti 

 




Allegati:


Links:





UMI - Unione Medici Italiani - P.Iva 03505850176 - C.F. 98082010178 - Tutti i diritti riservati - ©2018